Lifting delle braccia: cos’è?  Quali anestesia viene usata? Quanto dura l’operazione?

Che cos’è il lifting delle braccia?

Attraverso il lifting delle braccia è possibile rimuovere la cute in eccesso dalla faccia inferiore delle braccia. E’ un intervento che permette dunque di rimodellare le braccia, riducendo l’eccesso di pelle, e in alcuni casi di grasso, determinando un miglioramento del contorno degli arti superiori e della cute circostante che apparirà più liscia. Il lifting delle braccia permette di rimodellare la figura, ma non è indicata per perdere peso.

Durata del trattamento

I tempi indicati sono puramente indicativi. Ogni paziente può avere necessità differenti.
  • Tempo dell'intervento
    1 Ora
  • Anestesia
    Totale
  • Ritorno a Lavoro
    3 Giorni
  • Risultato
    Permanente

Lifting delle braccia: prima e dopo l’intervento

Image
Image
marker
Image
Image
marker
Scorri con il cursore e scopri gli effetti dell’intervento del dott. Arturo Amoroso

E’ necessario essere consapevoli che, in ogni caso, non è possibile restituire la tensione e la compattezza che i tessuti hanno di solito nella giovinezza.

Qual’è il periodo migliore per fare il lifting alle braccia?

L’intervento può essere eseguito in qualsiasi periodo dell’anno, si preferisce però evitare l’estate. Con il caldo, infatti, può essere scomodo indossare la guaina elastica che viene prescritta per favorire supportare le cicatrici del lifting. Inoltre si deve considerare che, dopo l’intervento, è sconsigliato esporsi al sole per almeno quattro settimane.

Quanto dura l’intervento per il lifting alle braccia?

La durata dell’intervento è variabile e dipende dall’estensione delle zone da rimodellare, dal tipo di anestesia e dalle tecniche che verranno utilizzate. In generale la durata dell’intervento può variare da un’ora e mezza sino a tre ore.

Cosa avviene prima dell’intervento per il lifting delle braccia

Durante la prima visita viene compilata la cartella clinica annotando i dati del paziente e la sua storia clinica; quindi si passa all’esame obiettivo, che consiste nell’analisi delle zone corporee che dovranno essere trattate, per valutarne le dimensioni, la consistenza e la qualità della cute. Se indicata, viene consigliata una dieta per ridurre il peso corporeo e definire con maggior precisione gli accumuli da rimuovere. Un vantaggio aggiuntivo della perdita di peso è rappresentato dalla riduzione dell’adipe che consente di aumentare la quota di cute eccedente da rimuovere. Vengono poi esposte le possibili alternative tecniche, ed eseguite le fotografie e viene consegnato al paziente l’opuscolo contenente le informazioni specifiche per il tipo di intervento selezionato che dovrà essere letto con calma nei giorni successivi e poi discusso nuovamente, durante la seconda visita, per eliminare ogni residuo dubbio e consentire una scelta consapevole. Nel corso della seconda visita, a decisione avvenuta, si chiariscono eventuali dubbi, si prescrivono gli esami di routine che consistono in analisi del sangue, elettrocardiogramma e radiografia del torace e si lascia un anticipo come impegno all’intervento. I risultati delle analisi vengono valutati nel corso dell’ultima visita, quando, viene concordato il programma operatorio definitivo e viene firmato il consenso all’intervento ed all’anestesia.

Consigli pre e post intervento lifting delle braccia

Si raccomanda di: non assumere aspirina o medicamenti che la contengono per una settimana prima dell’intervento e due settimane dopo, e di eliminare il fumo per almeno due settimane prima e dopo l’intervento.

Come avviane l’intervento per il lifting delle braccia

L’intervento può essere eseguito in anestesia locale con sedazione o generale. Le incisioni chirurgiche possono variare in base alla zona da trattare, al grado di correzione richiesta, dalle preferenze del paziente e del chirurgo. La tecnica più utilizzata per il lifting delle braccia comporta la presenza di incisioni al livello della piega ascellare e sulla faccia interna delle braccia. Si disegna la losanga da asportare; si confrontata con il lato controlaterale, per ottenere un risultato quanto più simmetrico. Si effettua una sutura intradermica, in modo da evitare la presenza di fastidiosi punti esterni.